Furbetti del cartellino senza scampo

Furbetti del cartellino senza scampo: ok del Governo alle norme

Furbetti del cartellino: arriva finalmente ok del Governo per la scelta di norme specifiche che regolano il comportamento dei dipendenti

Non avranno scampo i furbetti del cartellino, quelle categorie di dipendenti statali che, molto spesso, hanno “finto” di lavorare e di essere in servizio ma in realtà, proprio in orario d’ufficio, per molto tempo hanno sfruttato il loro lavoro per fare altro, ovvero svolgere commissioni personali come andare a fare la spesa, a far shopping oppure per accompagnare i figli a scuola. O, ancora peggio, per utilizzare il loro orario lavorativo “fregando” lo stipendio dello stato e sfruttando la loro professione in maniera privata: sono stati tanti, specialmente nell’ultimo periodo, i casi di persone che hanno utilizzato l’orario lavorativo per svolgere la loro professione in studio privato.

Adesso per tutte queste persone potrebbe non esserci più scampo: è infatti giunto il via libera del Governo al decreto Madia che prevede, tra le altre norme, anche le regole specifiche per il licenziamento dei furbetti del cartellino, persone che non solo sfruttano il denaro dello stato percependo lo stipendio pur senza averne diritto, ma creano anche un danno all’immagine della Pubblica Amministrazione.

Saranno quindi previste maggiori norme per regolare il comportamento dei dipendenti fraudolenti, e il provvedimento disciplinare potrebbe essere molto più severo.

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *