Diagnosi precoce tumore polmoni

Diagnosi precoce tumore polmoni: non si fa adeguata prevenzione

Diagnosi precoce tumore polmoni: secondo studio americano, sono troppo pochi gli ex fumatori che fanno prevenzione

Il tumore ai polmoni è un cancro molto difficile da estirpare, ma anche da diagnosticare. Perché purtroppo accade sempre più spesso che, specialmente coloro che sono più facilmente suscettibili ad ammalarsi di cancro ai polmoni, non facciano la giusta prevenzione. Che non significa solo “non fumare” – ricordiamo, a questo proposito, che il tumore ai polmoni è uno di quei tumori che riguarda soprattutto i fumatori, persone tendenzialmente molto a rischio, ma anche portare avanti una esigenza di diagnosi precoce, che potrebbe salvare loro la vita.

E secondo i recenti studi, solo 4 persone su 100 decidono di effettuare una adeguata prevenzione per il tumore ai polmoni, ovvero sottoponendo ad un test una volta l’anno: a dimostrarlo è uno studio americano che ha recentemente confermato che, sebbene le autorità spesso consiglino di fare prevenzione, sono pochi gli americani che si sottopongono ai test per la diagnosi precoce. Un test, quello consigliato in America – non in Europa – che dovrebbe essere effettuato ogni anno, almeno una volta, da coloro che sono stati fumatori e che superano i 55 anni di età. Ma ancora troppo pochi sono coloro che lo fanno, ed i risultati potrebbero essere molto pericolosi: il tumore ai polmoni è, infatti, uno di quei tipi di tumore per il quale la diagnosi precoce può essere l’unico modo per evitare il peggio.

 

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *