Call center estero: decisa convocazione per riportare lavoro in Italia

Call center estero

Call center estero: ministero dello Sviluppo economico propone convocazione per riportare posti di lavoro in Italia

In Italia i giovani fanno sempre più fatica a trovare un impiego. Detta così, questa affermazione potrebbe apparire più come un luogo comune, o quasi come un falso mito da sfatare, ma è purtroppo una verità, sempre più conclamata e tra l’altro verificata, anche dalle stesse statistiche, che dimostrano come i giovani siano sempre più in estrema difficoltà a trovare un’occupazione. E quel che è peggio è che, oltre alla difficoltà a trovare un impiego inerente le proprie qualità e caratteristiche, i giovani sono anche in difficoltà per quel che riguarda la possibilità di trovare un impiego che non riguardi alcuna delle discipline apprese durante il percorso scolastico.

È accaduto sempre più spesso, negli ultimi anni, che molti giovani abbiano preferito riempire le fila di note aziende di fast food, o ancora dei call center, per potersi permettere quel minimo di indipendenza anche se tra le loro competenze non figurava in alcun modo la capacità di gestione degli ordini di una pizzeria oppure di chiamate da parte di utenti arrabbiati.

E proprio quest’ultimo caso – quello del lavoro in call center – ha fatto riflettere in merito alla necessità di riportare in Italia molti dei call center che gli operatori di telefonia hanno spostato all’estero. Se ne è parlato in questi giorni, con la decisione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico della convocazione di tutte imprese italiane che utilizzano più call center all’estero. Lo scopo è quello di riportare, il più possibile, i posti di lavoro in Italia.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*