Scandalo Parliamone Sabato

Scandalo Parliamone Sabato: la risposta della Perego

Scandalo Parliamone Sabato, Paola Perego a Le Iene si dice disorientata e spaventata

Dopo lo scandalo che ha coinvolto, la scorsa settimana, la conduttrice televisiva Paola Perego – rea, secondo molti, di aver dato voce ad un sessismo dal sapore quasi primitivo nel corso della trasmissione televisiva Parliamone Sabatola stessa presentatrice è stata intervistata, nel corso di un servizio de Le Iene, per dire la sua – diritto di tutto rispetto, ovviamente – sul tema avverso affrontato durante la trasmissione.

Un tema molto delicato, da prendere quasi con le pinze, strumento che forse, in quel momento, la Perego non possedeva, per trattare un argomento così difficile come, appunto, quello relativo alla scelta (vera o presunta?) dell’uomo italiano che, potendo preferire, opterebbe per una moglie dell’Est Europa, sorpassando così le donne italiane.

Una lista dal sapore sgradevole, a tratti volgare e disgustoso, quella che stilava le caratteristiche delle donne dell’Est, non solo fisiche ma anche emotive e caratteriali, che “non si lamentano mai”, “sono sempre sexy anche dopo il parto” e, tra l’altro, “perdonano i tradimenti”. Sono solo alcuni dei motivi che hanno spinto gli uomini interrogati sulla vicenda a determinare la loro preferenza rispetto alla donna italiana che, a quanto pare, sarebbe tutto il contrario. Ma ciò che ha più stupito – ed a tratti anche innervosito – è stata proprio la decisione di dar voce, in un programma televisivo, ad una serie di luoghi comuni beceri ed arroganti: ed è proprio a questo aspetto che la Perego ha voluto rispondere, in questi giorni, non senza lasciar cadere qualche lacrima. Nel corso dell’intervista rilasciata al servizio, la Perego si è detta spaventata e disorientata, come se si stesse parlando di “un programma televisivo non mio”. E lancia la bomba: “Forse è scomodo mio marito”.

Il programma televisivo è stato chiuso, la Rai si è scusata con i suoi telespettatori. Ma basterà a placare le polemiche?

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *