Perché agli italiani piacciono i fondi di investimento

fondi di investimento

È risaputo che gli italiani amano il risparmio; sono infatti moltissimi coloro che conservano ogni mese parte di quanto guadagnano, evitando di spenderlo per motivi futili. Allo stesso tempo però varie ricerche dimostrano che i risparmiatori del nostro Paese tendono a evitare investimenti che considerano eccessivamente rischiosi.

Preferiscono tenere il proprio capitale immobile, sul conto corrente o su un conto deposito che garantisce un piccolo interesse annuo. Tra coloro che investono, una buona percentuale tende a prediligere i fondi comuni di investimento.

L’accessibilità dei fondi comuni

Una delle principali motivazioni per cui agli italiani piacciono molto i fondi di investimento è la loro grande accessibilità. In sostanza, non serve fare bizzarre attività di investimento per poter acquistare delle quote di un fondo comune. Anzi, questo tipo di prodotto finanziario è offerto dalle banche stesse, così come da diverse società di consulenza e da strumenti per la gestione del risparmio.

Ormai anche in rete è possibile trovare delle vere e proprie piattaforme, che permettono al cliente di ottenere tutte le informazioni necessarie per sapere quali fondi di investimento scegliere, i potenziali interessi ottenibili, ma anche di acquistare quote dell’uno o dell’altro fondo. In pratica si tratta di un tipo di investimento cui può accedere anche chi non ha alcuna dimestichezza con la finanza e il risparmio.

Conoscere un fondo di investimento

Tra gli elementi che fanno dei fondi comuni un investimento interessante per l’italiano medio vi è anche la possibilità di sapere, per un qualsiasi fondo, tutte le caratteristiche peculiari. A partire, ad esempio, dal tipo di investimento che sarà effettuato con il capitale raccolto. Questo permette anche di calibrare il profilo di rischio da parte del singolo investitore.

Sono disponibili sul mercato fondi comuni del tutto “tranquilli”, che permettono di fare previsioni valide sul futuro valore delle quote acquistate. Alcuni fondi infatti investono in titoli di Stato, o in bond di banche e di società che offrono un bassissimo rischio. Si tratta quindi di fare un investimento con coscienziosità, evitando i rischi maggiori offerti da alcuni mercati.

Certo, chi desidera una maggiore rimuneratività dovrà rivolgersi necessariamente a fondi comuni che investono in altri ambiti, ad esempio nei mercati azionari. È vero però che questo tipo di dato è sempre disponibile.

Diversificare con un solo investimento

Sono poi disponibili anche numerosi fondi di investimento detti bilanciati. In sostanza la società di gestione si impegna a investire il capitale che ha raccolto tra gli investitori in prodotti finanziari che offrano la maggiore rimuneratività possibile, evitando rischi troppo elevati.

Sono fondi che solitamente impiegano il capitale sia per l’acquisto di titoli di Stato e bond, sia in titoli azionari o prodotti similari. Il cliente, con un unico investimento, si trova ad avere a disposizione una sorta di portafoglio altamente differenziato, che può resistere senza problemi alla prova del tempo.

In effetti è importante notare che una buona fetta degli investitori italiani preferisce mantenere le quote del fondo di investimento cui partecipa, considerando quindi il rendimento nel corso degli anni ed evitando la speculazione rapida.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*